Musei - Mostre

Scheda in continua elaborazione ed aggiornamento

Musei sull'immigrazione/emigrazione

Musei sull'emigrazione italiana

Musei sull'emigrazione Italiana in Italia - Collegamento alla sezione Musei della pagina dedicata all'emigrazione italiana

Musei sull'immigrazione nel mondo

Europa

Cité nationale de l'histoire de l'immigration, Palais de la Porte Dorée, Paris, France
"L’exposition permanente Repères présente, dans une approche croisée des regards et des disciplines, deux siècles d’histoire de l’immigration : témoignages, documents d’archives, photographies et œuvres d’art se répondent dans un espace interactif, au rythme d’un parcours historique et thématique qui relate les temps forts de l’histoire de France depuis le 19e siècle."

Migration Museum Project, Gran Bretagna
"We are seeking to create Britain’s first major Migration Museum telling the story of movement into and out of the UK in a really fresh and engaging way. Led by Barbara Roche, former Minister for Immigration, a group of experienced professionals from immigration, human rights, museum, literary and artistic backgrounds has devised and driven this creative project forward, and scoping research has been completed, published by IPPR. "

19 Princelet Street, Gran Bretagna
"Founded as the first museum of immigration and diversity in Europe, 19 Princelet Street attracts visitors from around the globe to discover stories of the centuries of newcomers who have shaped Spitalfields, London and Britain."

Red star line Museum, Anversa, Belgio.
"With their whole life packed in a few suitcases, millions of people sailed from Europe to America after 1800. The United States and Canada were the promised land for fortune seekers and everyone looking for a better life. For many people, the trip to the New World began in a warehouse in Antwerp. Red Star Line ocean steamers paved the way to a new life for about two million men, women and children between 1873 and 1934."

The Danish Immigrant Museum, Danimarca.
"The Danish Immigrant Museum celebrates Danish Roots and American Dreams."

Migrationen 1500-2005, Germania. Esposizione

Usa

Museo di Ellis Island, New York:
The Statue of Liberty - Ellis Island Fundation;
Brevi schede su Ellis Island (da History Channel);
Tour interattivo di Ellis Island; Testimonianze di emigranti su Ellis Island; La storia di Ellis Island ;
Ellis Island, nostalgia on line
Su Internet tutti i nomi degli immigrati in America. E il sito va in tilt. di VITTORIO ZUCCONI. Da La Repubblica del 20 Aprile 2001
Ellis Island, 1900-1933 (dati dell' Immigration and Naturalization Service Series)

Museo di Angel Island Piccolo museo gestito da volontari all'interno della stazione di arrivo degli immigrati che arrivavano sulla west coast

Angel Island Immigration Station Foundation

Paso al Norte Museum Museo sulla storia dell'immigrazione negli Usa attraverso il confine meridionale

New Americans Immigration Museum For the first time in world history, mass migration of people is changing the faces of all nations. The United States, in particular, is no longer a melting pot but a mosaic of cultures, customs, and foods. One in five Americans today was either born in a foreign country or has a parent who was. Children in immigrant families are the fastest growing population group in the U.S. Understanding and shaping the impacts of these demographic changes is a national imperative. Migrants and their children are important decision-makers now and in the future. What we do now to educate and to impart to our children the values upon which this nation was founded --values that inspire people to seek truth and freedom-- will lead them to cherish their new homeland and to protect its people and its environment.

Swedish American Museum Center, Museo sulla storia dell'immigrazione svedese a Chicago

The Lower East Side Tenement Museum, Il museo si propone di promuovere la tolleranza documentando la storia degli immigrati a New York

THE ART OF EUROPEAN EMIGRATION Mostra virtuale creata dal Center for Migration Research at the Ulster-American Folk Park. Collezione di immagini che aiutano a ricostruire la storia di milioni di emigranti partiti dall'Europa alla volta del Nord America. La mostra intende incoraggiare uno studio comparato permettendo al visitatore di scegliere contemporaneamente 2 immagini e confrontarle.

Immigration and Caricature: Ethnic Images from the Appel Collection - This collection of immigrant and ethnic caricatures from popular graphics dates primarily from the Civil War to World War I, a period of massive migration to the United States. To modern Americans, the contents are sometimes humorous, sometimes very disturbing. Nonetheless, the collection depicts American values and attitudes of its period and is a remarkable resource for the study of American cultural history.

Australia

Immigration Museum "The Immigration Museum explores stories of people from all over the world who have migrated to Victoria from the 1800s through to the present day"

The Migration Heritage Centre, New South Wales, Australia. "The Migration Heritage Centre is a virtual migration museum. Our publications, virtual collections, exhibitions and multimedia are designed to tell the story of Australia’s long journey to multiculturalism."

The Migration Museum. The museum "works towards the preservation, understanding and enjoyment of South Australia’s diverse cultures. It is a place to discover the many identities of the people of South Australia through the stories of individuals and communities."

Canada

Canadian Museum of Immigration at Pier21 - Musée canadien de l'immigration du Quai 21

Canadian Immigration Overview - Virtual Museum

Musei e mostre virtuali in Italia

MEM Memoria e Migrazioni esposizione permanente del Galata Museo del Mare di Genova che racconta l’emigrazione italiana via mare e la recente immigrazione verso l’Italia. Con 1200 metri quadrati ed oltre 40 postazioni multimediali, molte delle quali interattive, il percorso racconta come le migrazioni hanno segnato e segnino la società italiana.

Migrador Museum. Storie di immigrati in Italia, Italia.

Immigrazione. Sezione del museo La Nave della Sila. Il museo narrante dell'emigrazione, Parco Old Calabria.

Orchestre interculturali

L'Orchestra di Piazza Vittorio. Nata durante l’estate del 2002 ha tenuto il suo primo concerto a Roma nel novebre dello stesso anno. Nel 2003 una tournée ricca di date ha fatto conoscere al grande pubblico la musica di artisti provenienti da tanti Paesi del mondo, diretti da Mario Tronco.

Mosaika Orchestra interculturale del Baldo Garda, nata a Verona nel 2013 con il fine di promuovere i valori dell'interculturalità e dell'integrazione tra cittadini italiani e stranieri. "Le arti della musica, e della coralità come dialogo tra le culture è l’idea che ha ispirato i musicisti Marco Pasetto e Tommaso Castiglioni, insieme con il BaldoFestival, l’Ufficio Stranieri dell’USSL 22, la Rete Tante Tinte e il Cestim di Verona. È nato così un ensemble di persone immigrate e italiane. I canti della Guinea Bissau con quelli finlandesi, i temi popolari sefarditi con le melodie cingalesi, le composizioni degli stessi musicisti dell’orchestra. Ed ecco risuonare i colori, i profumi, le sonorità e i volti del mondo." Pagina Facebook.

OMA Orchestra Multietnica di Arezzo. "L’Orchestra Multietnica di Arezzo (OMA – #omarezzo), nasce nel 2007 da un percorso formativo, aperto alla partecipazione di musicisti italiani e stranieri e finalizzato alla conoscenza e all’approfondimento delle strutture di base delle musiche tradizionali delle aree del mediterraneo, per incrociarle con la tradizione italiana ed europea e predisporre un repertorio basato sulla contaminazione." Dal 2013 ha dato vita a "Tutti d'accordo", Orchestra Multietnica - Coro dei piccoli e dei ragazzi.

Mikrokosmos - Coro Multietnico di Bologna, nasce su iniziativa del Maestro Michele Napolitano con l’obiettivo di promuovere l’integrazione dei cittadini stranieri e contribuire ai processi d’interazione e comunicazione tra persone di culture differenti. Fondato a settembre 2004, ha preso parte a numerosi concerti, festival, rassegne ed eventi culturali. Attraverso la musica popolare di varie parti del mondo, Mikrokosmos ha avvicinato e riunito coristi con provenienze culturali, linguistiche e religiose diverse.

JCCO John Cabot Chamber Orchestra. Nasce nel 2005 con l’intento di creare a Roma un’orchestra aperta a musicisti non solamente di professione, ma anche a studenti e amatori, di tutte le età, di tante nazionalità e di diverse esperienze e formazioni musicali.

World Youh Chamber Orchestra. La World Youth Orchestra (WYO) fondata il 15 settembre del 2001 per iniziativa di MusicaEuropa, è composta dai migliori allievi di Università, Accademie e Conservatori dei cinque continenti. La costituzione della World Youth Orchestra vuole essere una occasione di testimonianza delle nuove generazioni, impegnate nell'arte musicale, dei gravi problemi sociali e culturali che in questo terzo millennio affliggono ancora l'umanità e di un dialogo partecipato, aperto e dinamico tra culture e religioni diverse.