da "Il Manifesto"

07 Marzo 2001

Immigrato suicida

Un giovane kurdo di 20 anni si impiccato l'altra sera in un bagno del centro di accoglienza per immigrati della Caritas di Gorizia. Il ragazzo era stato fermato alcune ore prima dalla polizia insieme a un gruppo di connazionali con i quali aveva attraversato la frontiera con la Slovenia. Dopo l'identificazione in questura era stato portato al centro di accoglienza, in attesa dell'espulsione immediata. Intanto stasera a Bologna (c/o Contropiani, via Ranzani, 4), voci e testimonianze dal Newroz (il capodanno kurdo) a Djarbakir e Van, e domani (Auditorium sindacale, via Milazzo, dalle 10,30), incontro con Hasmet Aktas, presidente della Mezzaluna rossa, e Fayik Jiazigaj dell'Hadep.